“L’ex Ilva va chiusa perché ammazza la gente, i lavoratori vanno assunti dallo Stato” – Mario Conca, l’alternativa a destra, sinistra e 5 stelle – video

- Prosegue dopo la pubblicità -

Prosegue la diffusione delle proposte di Mario Conca (candidato alla Presidenza della Regione Puglia per la lista Cittadini Pugliesi, creata dall’ex consigliere regionale dopo l’espulsione dal M5S). In uno dei filmati, Conca si dimostra chiaro nei confronti della delicata questione dell’acciaieria di Taranto: l’ex Ilva va chiusa “perché ammazza la gente” e i lavoratori andrebbero assunti in vari settori dello Stato. Dopodiché, la città dei due mari dovrà risorgere investendo sulla pesca, sul turismo, sul patrimonio storico. Video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

#Taranto, riconversione e chiusura o chiusura e riconversione? Cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia, l'Ilva va chiusa, anzi no,l'ex #ilva l'ha chiusa il mercato. Basta investire a Taranto soldi per ilva e raffineria. I soldi vanno dati all'industria pulita e al lavoro pulito. E BASTA. Da subito. Stop finanziamenti all'industria pesante inquinante. La vergogna piú grande non è l'attività di chi ha cambiato partito, bensí, sostenere alle elezioni il principale partito, quello trasversale, sostenitore dell'ilva per decenni, capace di offrire solo soluzioni demagogiche, che non possono essere impiegate né domattina e forse mai. Capace di sottrarre a Taranto tutti i fondi per l'industria ecosostenibile alternativa! Capace di ingannare la gente. A Taranto i soldi per l'industria sostenibile e alternativa quando arrivano? Stanno arrivando? Quelle sono briciole. Taranto deve avere gli stessi miliardi delle altre città del nord e del sud, con particolare attenzione per lo scempio perpetrata per oltre 60anni. Iniziamo a togliere finanziamenti all'ilva e diamoli alle infrastrutture richieste per decenni dalla popolazione, a partire dal livello della Regione Puglia e chiedendo a Roma e a Bruxelles il resto. Emiliano vuole investire soldi della Regione Puglia per la decarbonizzazione. I Verdi lo appoggiano. E perché non finisce la bradanico-salentina? Perché non costruisce le strade e ferrovie dirette a Matera come ha fatto a Bari? Noi invece diciamo: nemmeno un Euro ancora per la decarbonizzazione dell'ILVA! Diciamo basta a questo baricentrismo che penalizza il resto della Puglia tarpando le ali a tanti che poi emigrano. I soldi della regione Puglia e dello stato solo per la nuova e ricca industria miliardaria di trasporti e logistica senza piú emissioni, grazie alla conversione ad idrogeno e ad elettrico. Autostrada, Alta Velocità e Aeroporto devono diventare fatti, una regione può chiedere incessantemente se solo lo volesse. Le nuove infrastrutture servono anche per risolvere il problema del consumo del suolo e per consentire di demolire le vecchie che consumano il doppio e il triplo del suolo! I soldi vanno investiti per far lavorare l'industria edile, ma non soltanto per costruire le nuove infrastrutture, bensí per smantellare tutte le vecchie! Piú investimenti, piú lavoro, piú cantieri, piú liberazione e ristrutturazione della bellezza! Demolire i vecchi mari e i fiumi di cemento! Piantare le foreste urbane specie sul mare! Togliere il cemento dalle coste! Ripristinare le dune! Non esiste modernizzazione quando il nuovo viene aggiunto al vecchio senza contestualmente asportare tutto il vecchio!Mario#ConcaPresidente#CittadiniPugliesi#ilCoraggioDiCambiare

Pubblicato da Mario Conca su Venerdì 11 settembre 2020

Ricordiamo che è possibile seguire tutte le news cliccando “MI PIACE” sulla Pagina facebook.com/PugliaReporter. Ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Taranto per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.