Puglia: incendio nell’area mercatale di Ginosa, gli ambulanti indicono manifestazione di protesta per martedì 29 settembre

L’incendio verificatosi lo scorso giovedì 17 settembre nei pressi della nuova area mercatale individuata dal comune di Ginosa per il trasferimento del mercato settimanale, nei pressi del Camposanto, ha fatto traboccare il vaso. I commercianti ambulanti, concessionari di posteggio nel mercato di Ginosa, non ci stanno ad essere identificati quali carnefici mentre sono loro le vittime di una situazione che si protrae dal mese di marzo con il mercato che ancora non si svolge. Un’area, quella cimiteriale, contestata anche per motivi di sicurezza. Infatti l’incendio è stato generato dalla combustione di materiali in aree che non sono state bonificate e messe in sicurezza prima dello svolgimento del mercato in tale area.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre si attende il rapporto dei Vigili del Fuoco e delle altre Forze dell’Ordine intervenute sul posto, come richiesto dalle Associazioni CasAmbulanti e UniPuglia, per il giorno martedì 29 settembre è stato indetto un Sit – In di protesta presso il comune di Ginosa dalle ore 16,00 e dalle ore 19,00 presso l’area del Cimitero dove il comune vorrebbe incautamente che gli ambulanti fossero costretti ad operare pur avendo legalmente contestato tale trasferimento ed avendo presentato proposte alternative risolutive. Inviata la comunicazione anche al Sindaco di Ginosa dal quale si attende l’incontro che chiarisca anche il motivo per il quale viene richiesto il pagamento della Tosap e della Tari per tutto l’anno 2020 pur essendo stato fermo il mercato per oltre sei mesi da marzo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che è possibile seguire tutte le news cliccando “MI PIACE” sulla Pagina facebook.com/PugliaReporter. Ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Taranto per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -