Puglia: apertura in anteprima del “Museo Nazionale archeologico di Manfredonia”. Necessaria la prenotazione

Il Museo nazionale archeologico di Manfredonia, in attesa del prossimo completamento dei lavori di allestimento, riparte dal 2 ottobre aprendo al pubblico la sala “La terra del re straniero”. L’iniziativa rientra nel programma #versoilmuseo, realizzato d’intesa con il Segretariato regionale del MiBACT per la Puglia, che coordina il cantiere in corso in qualità di stazione appaltante. Per tre giorni alla settimana, venerdì, sabato e domenica pomeriggio, sarà possibile visitare in anteprima lo spazio espositivo dedicato al racconto dei Dauni, di cui è attualmente in corso la realizzazione dell’apparato grafico e didascalico. I visitatori potranno così avvicinarsi alla scoperta della collezione che ospita alcuni dei più importanti rinvenimenti funerari provenienti dal territorio della Puglia settentrionale, in cui si diffuse la civiltà daunia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I materiali, distribuiti in un ampio arco cronologico che va dall’XI al V sec. a.C., provengono sia dalla fascia costiera prospiciente il Mare Adriatico (Monte Saraceno, Salapia, Cupola-Beccarini), sia dalla valle dell’Ofanto (Canosa-Toppiccelli), sia dall’area più interna del Tavoliere e dei Monti Dauni (Ordona, Orsara di Puglia, Biccari, Pietramontecorvino). Il programma #versoilmuseo prevede altre due tappe successive: la restituzione alla fruizione della sala Pagine di Pietra, che racconta la manifestazione artistica più rappresentativa della civiltà dei Dauni, quella delle stele, e l’apertura al primo piano delle sezioni Venti del Neolitico. Uomini del Rame e Metropoli dell’età del Bronzo, che invece racconteranno le più antiche fasi della Preistoria sin dalla fine del VII millennio a.C.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La progressiva e graduale riapertura del percorso espositivo è il primo passo per la restituzione alla collettività del patrimonio culturale custodito dal museo. L’intervento in corso, di prossima conclusione e a cura del Segretariato regionale del MiBACT per la Puglia, consentirà di realizzare anche la nuova illuminazione esterna del Castello e di migliorarne ulteriormente l’accessibilità. Informazioni per il pubblico: l’ingresso al museo è dal Viale Miramare – Orari di apertura: Dal venerdì al sabato, ore 8.30 – 19.30 (ultimo accesso ore 18.30)- Domenica, ore 14.30 – 19.30 (ultimo accesso ore 18.30) – Fasce orarie d’ingresso: Dal venerdì al sabato: 8.30 – 9.30 – 10.30 – 11.30 – 12.30 – 13.30 – 14.30 – 15.30 – 16.30 – 17.30 – 18.30
Domenica: 14.30 – 15.30 – 16.30 – 17.30 – 18.30                                                      Numero massimo di ingressi consentito (per fascia oraria): 10 – Durata della visita: 1 ora Costo d’ingresso: gratuito – Prenotazioni e modalità: indicare giorno e orario all’indirizzo drmpug.museomanfredonia@beniculturali.it o telefonare al numero 0884 587838. Rilasciando la propria e-mail si potrà chiedere di venire iscritti gratuitamente nella mailing list del museo –

- Prosegue dopo la pubblicità -

Misure anti-contagio previste: Al museo si accede una persona per volta, avendo cura di rispettare l’orario di prenotazione per evitare assembramenti e sovrapposizioni, dopo la misurazione della temperatura corporea (soglia limite per l’ingresso 37.5°C) e aver igienizzato le mani presso la postazione allestita all’ingresso. All’interno del museo è obbligatorio l’uso della mascherina e il rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro. Il personale addetto all’accoglienza accompagnerà i gruppi per regolare i tempi di permanenza nelle sale, far rispettare i limiti di capienza previsti e garantire la massima sicurezza.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/PugliaReporter è possibile seguire tutte le news da Facebook. Scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni via Whatsapp. Inoltre possibile partecipare al gruppo Whatsapp dedicato alla regione Puglia per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.