Puglia: troppi vaccini in poco tempo, 21enne muore per leucemia fulminante. Famiglia vince la causa dopo 20 anni

Si era sottoposto a 11 vaccinazioni in appena 8 mesi, troppe secondo la ricostruzionedella Corte di Cassazione, che ha confermato la responsabilità dell’eccessivo intervento medico sul caso di un giovane militare deceduto per leucemia fulminante:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come riportano anche fonti giornalistiche telematiche, infatti, un giovane salentino si arruola nell’Esercito Italiano. E’ il 1999 e il ragazzo, originario di Gallipoli (Lecce) si sottopone ai vaccini. Ad aprile del 200 comincia ad accusare febbre, debolezza e continue perdite di sangue dal naso. Poi la diagnosi: leucemia. Morirà poco dopo, a soli 21 anni. A distanza di circa 20 anni, la famiglia ottiene giustizia:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“È la prima causa che arriva in Cassazione e visto che la Corte ha confermato il nesso di causalità si tratta a pieno titolo di una sentenza che è destinata a rappresentare un precedente per i circa 3mila militari colpiti da linfoma durante il servizio”, è il commento dell’avvocato della famiglia. “Non va demonizzato il vaccino di per sé – chiarisce l’avvocato – ma le tempistiche delle somministrazioni troppo ravvicinate”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/PugliaReporter è possibile seguire tutte le news da Facebook. Scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni via Whatsapp. Inoltre possibile partecipare al gruppo Whatsapp dedicato alla regione Puglia per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -