Roghi, a Trani Comune segue origini della nube e individua l’autore “è un’azienda che bruciava plastica, pneumatici e carcasse di animali”

E’ guerra aperta in Puglia contro gli autori dei roghi che troppo spesso causano l’emissione di fumi maleodoranti, a svolte dimostrazione della combustione di rifiuti bruciati illegalmente. Nei giorni scorsi, una nuova scoperta a Trani:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Abbiamo beccato con gli Ispettori di Amiu Trani coordinati dall’assessore Raffaella Merra un altro scempio ambientale, stavolta in zona nord. Seguendo una nube di fumo maleodorante gli Ispettori Ambientali sono arrivati in un’azienda produttiva dove, all’interno di una fossa, si stavano bruciando imballaggi e tubi in plastica, pneumatici, altro tipo di materiale e, cosa più sconcertante, carcasse animali. Continueremo a setacciare il territorio statene certi” – ha dichiarato il Sindaco Amedeo Bottaro in un post diffuso su Facebook. Il link al post diffuso dal Sindaco di Trani:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che è possibile seguire tutte le news cliccando “MI PIACE” sulla Pagina facebook.com/PugliaReporter. Inoltre, scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Barletta – Andria – Trani cliccando qui per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -