Puglia: minaccia di far esplodere la casa e poi fugge col figlioletto sottraendolo alla madre. Arrestato bengalese nel leccese

Alle ore 04:00 del 25 dicembre u.s. gli agenti in servizio presso la Sezione Volanti della Questura di Lecce hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un 37enne bengalese residente a Nardò, resosi responsabile dei reati di: atti persecutori, maltrattamenti in famiglia, lesioni aggravate, danneggiamento, resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale. I fatti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nella tarda serata del 24 dicembre l’uomo, nel tentativo di sottrarre il figlio minore affidato alla moglie, sua connazionale, dalla quale è in fase di separazione, prima ha fatto esplodere dei petardi lanciandoli sul balcone dell’abitazione della donna poi, utilizzando una bombola di gas GPL come un ariete, ha forzato il portone ed è riuscito ad introdursi all’interno minacciando di farla esplodere. Grazie all’intervento dei familiari della donna, dopo una colluttazione, sono riusciti ad impedire il proposito incendiario ma l’uomo nella concitazione del momento è riuscito ad allontanarsi col piccolo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel frattempo è intervenuto il personale della Sezione Volanti che ha bloccato l’individuo, con notevole difficoltà, poiché lo stesso ha opposto una strenua resistenza tentando altresì di sottrarre la pistola d’ordinanza ad un operatore di Polizia. L’uomo è stato arrestato, su disposizione della locale Procura della Repubblica, sottoposto in regime degli arresti domiciliari presso la sua abitazione. Il minore è stato riaffidato alla madre.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che è possibile seguire tutte le news cliccando “MI PIACE” sulla Pagina facebook.com/PugliaReporter. Ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Lecce per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -