Il sacerdote pugliese che in Brasile si oppose al latifondisti per difendere le popolazioni locali, la storia di don Vito Miracapillo

L’esperienza al nord Italia, poi il viaggio in Sudamerica che segnerà per sempre la sua vita. E’ la storia di don Vito Miracapillo, originario di Andria ma protagonista di una serie di iniziative che lo videro contrastare il regime del Brasile degli anni ’70, sino alla sua espulsione. Giunto nel nordest del paese, all’epoca, il religioso assistette alla dura realtà di un paese ricco di risorse gestite da pochi benestanti che sfruttavano le popolazioni impoverite e ricattate. Nel corso della sua esperienza, Miracapillo ebbe anche l’occasione di esplorare parte della foresta Amazzonica, venendo a conoscenza di alcune delle popolazioni Indios minacciate dai latifondisti. Un parroco scomodo che riottenne l’ingresso nel paese soltanto nel 1993, con la caduta della dittatura. Oggi 74enne e con 50 anni di sacerdozio alle spalle, don Vito Miracapillo è autore di svariate pubblicazioni che ripercorrono le sue esperienze e che, al contempo, sottolineano l’importanza della predicazione e della fede. A tal proposito, riportiamo qui sotto il link ad un filmato diffuso sul web dal blog di VideoAndria.com:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Riportiamo qui sotto il link al video integrale della celebrazione dei 50 anni di sacerdozio di don Vito Miracapillo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Guardalo anche su DailyMotion cliccando qui oppure su Facebook cliccando qui.  Inoltre, riproponiamo l’approfondimento riguardante le pubblicazioni di don Vito Miracapillo:

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/pugliareporter. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/PugliaReporter è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. PugliaReporter.com è anche su twitter.com/PugliaReporter e su linkedin.com/company/pugliareporter.

- Prosegue dopo la pubblicità -