Puglia: speleologi esplorano grotta con due pozzi interconnessi individuata nelle campagne di Andria, le foto

Gruppo Speleologico Ruvese OdV

Nuova straordinaria ed emozionante scoperta geologica nella periferia rurale di Andria, dove gli speleologi del Gruppo Speleologico Ruvese OdV hanno individuato ed esplorato una nuova cavità carsica presente nel comune della nostra città:

Gruppo Speleologico Ruvese OdV

“La cavità in questione si chiama ”Grotta San Leonardo” ed il suo codice identificativo nel Registro del Catasto Puglia è PU_1867. La segnalazione della presenza della cavità ci è giunta dal sig. Tommaso Amorese – osserva Francesco Fortunato, speleologo e segretario del Gruppo Speleologico Ruvese. Alcune delle immagini dell’esplorazione:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Gruppo Speleologico Ruvese OdV
Gruppo Speleologico Ruvese OdV
Gruppo Speleologico Ruvese OdV

“La cavità carsica ha un andamento sub-verticale articolato in due pozzi interconnessi da un piccolo passaggio obliquo” – una prima mappatura: “La grotta termina alla base del secondo pozzo con un importante riempimento di detriti e terra rossa. Al suo interno è stato possibile osservare diverse concrezioni, colate calcitiche, chirotteri (1 esemplare)” – osservano gli speleologi. Ulteriori fotografie piuttosto suggestive:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Gruppo Speleologico Ruvese OdV
Gruppo Speleologico Ruvese OdV
Gruppo Speleologico Ruvese OdV

“La cavità carsica si imposta probabilmente lungo una discontinuità secondaria, nella cosiddetta ”area di fagliazione”. Da un punto di vista geomorfologico la grotta si trova all’interno di una lama e l’ingresso è situato a qualche metro dal p.c. dato il notevole spessore dei sedimenti alluvionali” – rendono noto dal GSR. Altre immagini:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Gruppo Speleologico Ruvese OdV
Gruppo Speleologico Ruvese OdV
Gruppo Speleologico Ruvese OdV

“Gli ambienti ipogei sono molto delicati ed importanti in termini di biodiversità, di tutela e salvaguardia. Gettare rifiuti all’interno di questi sistemi può comportare gravi danni ambientali e può compromettere eventuali falde acquifere presenti nel sottosuolo; è proprio da qui che noi estraiamo le acque utili al nostro fabbisogno giornaliero” – concludono dal GSR. Il catasto delle grotte del territorio in una mappa regionale:

Si tratta di una straordinaria scoperta di interesse geologico e naturalistico che restituisce alla nostra città un ulteriore tassello di un grande patrimonio tutto da scoprire e rivalutare. Un ringraziamento speciale va agli speleologi del GSR per queste bellissime immagini!  Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/baripuglia. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/PugliaReporter è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. PugliaReporter.com è anche su twitter.com/PugliaReporter e su linkedin.com/company/pugliareporter.

- Prosegue dopo la pubblicità -