Taranto: “mamma e figlio colpiti dalla stessa malattia, viaggi di notte per le cure. Mattanza senza fine per l’inquinamento”

“Una nostra amica, attivista, in questi giorni è partita per portare il figlio in una struttura sanitaria che cura le malattie come quella del suo bambino. Ogni mese lei e il piccolo affrontano il viaggio di notte, in treno, arrivano a destinazione, e il bambino viene sottoposto alla visita e alle cure di cui ha bisogno e nella stessa giornata ripartono per tornare a Taranto. Una fatica immane” – comincia così il post diffuso sui social dall’associazione Genitori tarantini che prosegue:

“È una donna speciale la mamma di questo bimbo speciale, ma oggi sia lei che il piccolo hanno sofferto le pene dell’inferno, il piccolo per la sofferenza fisica che purtroppo non poteva essere evitata e la sua mamma, che ha assistito a tutta questa sofferenza. Non è umano, non è accettabile, è insopportabile, noi amici ci sentiamo impotenti, possiamo solo descriverlo, raccontare, e continuare a lottare. Eppure i fumi soffiano ancora sopra la nostra testa e quella dei nostri figli. Continuano ad inquinare l’aria che respiriamo. Vorremmo che qualcuno ci dicesse come si fa a non maledire tutti i politici, le istituzioni che dovrebbero tutelarci, davanti al dolore, ai pianti di un bambino? Stiamo parlando dei bambini, i bambini che dovrebbero conoscere solo il dolore per un’escoriazione sul ginocchio, ma che invece sono costretti ad essere rivoltati come calzini periodicamente e lo fanno con uno stoicismo commovente. E allora, ancora una volta il pensiero va a loro, ai colpevoli di ieri e di oggi, e a tutti quelli che potrebbero fermare questa mattanza e non lo fanno. Una “pena fine mai” a tutti loro, per tutto il dolore fisico che hanno procurato a questi bambini. Questo meriterebbero, senza se e senza ma” – hanno concluso i Genitori Tarantini. Ricordiamo che è possibile seguire tutte le news cliccando “MI PIACE” sulla Pagina facebook.com/PugliaReporter. Ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Taranto per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -