Puglia: rubano canapa industriale presso una azienda agricola. Denunciati tre giovanissimi dalla Polizia di Grottaglie

Al termine di rapide indagini, il personale del Commissariato di Grottaglie ha individuato e denunciato due giovani poco più che maggiorenni ed una minorenne per furto. L’attività investigativa è partita dopo la denuncia di un imprenditore del posto, vittima del furto di alcune piante ed infiorescenze di canapa ad uso industriale presso la sua azienda agricola, situata nelle campagne della cittadina delle ceramiche. La denuncia era anche supportata da alcune immagini dei sistemi di video sorveglianza della sua azienda che erano riuscite ad immortalare gli autori del furto.

L’analisi di queste immagini ha così permesso di accertare che un giovane, in due giorni differenti, era entrato nella piantagione in compagnia di altrettante ragazze – una delle quali con vistosi capelli rossi – ed aveva sottratto le piante di canapa danneggiando in questo modo anche tutto il resto del raccolto. I poliziotti, grazie anche a due vistosi tatuaggi sulle braccia, sono riusciti ad individuare prima il giovane ladro, un grottagliese di 18 anni e poi anche la sua complice con la vistosa capigliatura, recuperando nelle loro abitazioni circa due chili e mezzo di canapa industriale. Nel prosieguo delle indagini è stata individuata anche la terza ragazza, una 17enne, residente a Mesagne, trovata con un altro chilo di canapa uguale a quella recuperata in precedenza.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che è possibile seguire tutte le news cliccando “MI PIACE” sulla Pagina facebook.com/PugliaReporter. Ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Taranto per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -