Puglia: incisioni paleolitiche scoperte in una grotta. Risalgono a 14.000 anni fa. Ecco lo studio scientifico

Ingresso della Grotta Romanelli (fotografia di D. Sigari) – foto embed: cambridge.org

Spettacolare scoperta in una grotta pugliese dove  i ricercatori hanno rinvenuto i resti di alcune incisioni risalenti a circa 14.000 anni fa:

Pannello GRP002-A che mostra il motivo reticolato sul bordo della nicchia (fotografia di D. Sigari) – foto embed: https://www.cambridge.org/

“La Grotta Romanelli, nell’Italia sud-orientale, è un importante punto di riferimento per la cosiddetta ‘provincia mediterranea’ dell’arte europea del Paleolitico superiore. Tuttavia, solo di recente il sito è stato oggetto di un’indagine sistematica sulla sua arte parietale e portatile. A partire dal 2016, un progetto ha registrato l’interno della grotta, scoprendo una nuova arte parietale” – si legge nel testo di uno studio pubblicato sulla rivista Antiquity che prosegue:

- Prosegue dopo la pubblicità -
foto embed: https://static.cambridge.org

“Qui, gli autori riferiscono su una selezione di pannelli, con figure di animali, motivi geometrici e altri segni, identificando l’uso di diversi tipi di strumenti e tecniche, insieme a diverse fasi di attività. Questi pannelli sono discussi con riferimento alla datazione al radiocarbonio di depositi vicini, ponendo domande su cronologia, tecnologia e connessioni più ampie tra i siti di grotte del Paleolitico superiore in tutta l’Eurasia occidentale”. Lo studio specifica cheNel 2017, il lavoro sul campo si è concentrato sulle diverse tecniche utilizzate per creare l’arte rupestre in due aree specifiche della grotta, GRP002 e GRP005, ognuna delle quali ha ricche concentrazioni di arte precedentemente sconosciuta e non documentata”. La Grotta Romanelli (40°00′58″N, 18°26′01″E) si trova nel territorio del comune di Castro (Lecce), all’estremità sud-orientale della Puglia in Italia:

- Prosegue dopo la pubblicità -
foto embed: https://www.cambridge.org/

La grotta è un sito chiave per gli studi del Pleistocene mediterraneo, grazie alla sua vasta evidenza archeologica e paleontologica. (Fonte: https://www.cambridge.org/core/journals/antiquity/article/birds-and-bovids-new-parietal-engravings-at-the-romanelli-cave-apulia/5CCCB947B1E6C9D69D1F9208064603EF).

- Prosegue dopo la pubblicità -