Puglia: nasconde la droga in un muretto a secco. Arrestato 36enne nel barese

Ha provato a nascondere la cocaina da spacciare in un muretto a secco, ma lo stratagemma non è servito ad evitare l’arresto. È accaduto ad Acquaviva delle Fonti (BA), dove da alcuni giorni i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Gioia del Colle controllavano i movimenti sospetti di una vecchia conoscenza, un 36enne censurato del posto. Nel pomeriggio, dopo averlo osservato e pedinato sino in periferia, in località “Contrada San Nicola”, lo hanno visto fermarsi nei pressi di un terreno ed effettuare degli strani movimenti nei pressi del muretto a secco che separa due fondi agricoli.

Prontamente gli operanti hanno deciso di intervenire. Nella circostanza lo hanno sorpreso mentre, dopo aver spostato delle pietre, prelevava da una fessura un involucro contenente 50 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina. I militari nell’ispezionare il punto preciso del muretto a secco hanno rinvenuto, all’interno di una busta della spesa di colore bianco ulteriori complessivi 600 grammi della sostanza suddivisi in 15 panetti. Tutto sottoposto a sequestro unitamente a un telefono cellulare trovato in suo possesso, a circa 600 euro, in banconote di vario taglio, ritenute provento dell’illecita attività, nonché a vario materiale per il confezionamento. Tratto in arresto, il pusher è stato sottoposto agli arresti domiciliari e dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/baripuglia. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/PugliaReporter è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. PugliaReporter.com è anche su twitter.com/PugliaReporter e su linkedin.com/company/pugliareporter.

- Prosegue dopo la pubblicità -